Poco meno di due mesi fa sono stato in visita all’azienda di punta per quanto riguarda la produzione di libri di matrimonio: GRAPHISTUDIO. La curiosità era tanta, le aspettative pure ed entrambe sono state premiate….

Finalmente sono riuscito a conoscere di persona il mio referente commerciale in azienda, sempre sentito per voce, finalmente anche nella sostanza fisica: Francesco. Accolto con tutti gli onori e da subito mi sono sentito a casa dopo una semplice stretta di mano (che in Sardegna conta più di mille parole se ben stretta e sincera). La visita alla produzione era la seconda cosa a cui tenevo di più, vedere e capire le fasi della produzione, respirare l’aria degli inchiostri e della carta, sentire le macchine da stampa e le intercalatrici…  Per uno come me che ha lavorato attivamente nel settore è stato importantissimo capire le innovazioni e gli strumenti che ho a disposizione per qualsiasi mia idea, anche la più bizzarra.

A fine serata ci siamo spostati nel bellissimo Castello Conte Ceconi, altra emozione perché vederlo in foto è bellissimo ma averlo davanti, passare li la notte e l’indomani risvegliarsi nel silenzio della natura  è altra cosa credetemi. Con Francesco abbiamo avuto modo in totale tranquillità di parlare un pò, lanciare sfide (una l’ho appena vinta e tu lo sai!), buttare giù qualche idea, toccare con mano tanti materiali…

Finalmente è arrivata la cena in una bella Osteria in Val D’Arzino, momento importante perché ci siamo ritrovati attorno a un bel tavolo con Simone (mio compagno di viaggio e di “qualche scatto”), Mario, Fabrizio e Tullio. Abbiamo parlato di tante cose tra cui la mia famosissima ricetta delle verdure alla “Persiana” ma abbiamo parlato di colore con Tullio, li ho capito che non solo si tratta di lavoro ma anche di tanta passione senza la quale la differenza non si fa…

Voglio lasciare qui qualche scatto ringraziando Francesco, Mario e Tullio per l’ospitalità (se venite in Sardegna sarà ricambiata)…

Grazie ancora

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *